Questa strada, suggestiva e panoramica, conduce all'omonimo Belvedere ed ai sottostanti Faraglioni.
Il ricordo della colonizzazione greca sopravvive nel suo toponimo che significa "recinto o chiuso delle capre".
Dall'attuale villa La Certosella aveva inizio l'imponente complesso residenziale romano del quale resta solo il pavimento in marmo ricomposto nella Cappella del Rosario della ex Cattedrale di S. Stefano.

Come arrivarci
Da Piazza Umberto I, a piedi, per via V. Emanuele e via Camerelle (20 min.).