Collocata al centro del Golfo di Napoli, Capri (circa 4 miglia quadrate) è l'isola più nota del Mediterraneo. Diversamente dalle altre isole partenopee (Ischia e Procida), non è di origine vulcanica ma calcarea. Essa costituisce l'estrema propaggine del sistema montuoso della Penisola Sorrentina.
Già all'orizzonte, chi viene da Napoli, Sorrento o dalle altre località della Costiera Amalfitana (Positano, Amalfi e Salerno), può notare la lussureggiante vegetazione dell'isola, tipicamente mediterranea. La flora, difatti, una delle più ricche d'Italia, dona al paesaggio un aspetto ridente anche nelle stagioni fredde.
Analogamente, la fauna, presente con molte specie marine, ne arricchisce i profondi fondali; anche quella terrestre annovera molti tipi di uccelli stanziali, tra cui i grandi gabbiani diomedei, e di sauri, come la rarissima lucertola azzurra dei Faraglioni. Influenzato naturalmente del mare, il clima è temperato, gradevole e salubre. La temperatura media è di 13,1° C in inverno, 16,5° C in primavera, 22,7° C in estate e 13,9° C in autunno.

Quando e come nacque il mito di Capri è difficile stabilirlo.
Per coloro che in passato vi vissero o la visitarono, l'isola ha sempre rappresentato qualcosa di "diverso", il luogo dove Natura e Bellezza si incontrano, dove il Mito e la Storia, ancora oggi, parlano. Non è facile trovare al mondo un'altra isola della grandezza di Capri che abbia assistito a tanti eventi drammatici e dato ospitalità a tanti personaggi straordinari. L'elenco degli artisti, intellettuali, scrittori, esuli, ricchi ed eccentrici visitatori che, a partire dall'Ottocento, la prescelsero come residenza abituale o stagionale è lunghissimo. Tra questi possiamo ricordare, il poeta cileno Pablo Neruda e la scrittrice Isabel Allende, il filosofo francese Jean Paul Sartre, lo scrittore russo Maksim Gorkj e l'esule Lenin, il poeta tedesco Rainer Maria Rilke, e, dal mondo anglosassone, gli scrittori Oscar Wilde, Graham Greene, Joseph Conrad, David Herbert Lawrence. Insiemi a tanti altri, costoro contribuirono a creare quella variegata e cosmopolita colonia internazionale che ha reso famoso il nome di Capri in tutto il mondo. La cultura dell'accoglienza e dell'ospitalità è secolare, tant'è vero che lo standard dell'offerta turistica è variegato e riesce a soddisfare un'ampia gamma di ospiti alla ricerca del silenzio, della genuinità e della buona cucina, famosa soprattutto per le più deliziose pietanze, tra cui l'Insalata "Caprese" e la Torta di mandorle, anch'essa detta "Caprese".

Ma Capri è anche moda ed artigianato.
Numerose sono ancora le botteghe e sartorie artigianali che, dagli anni Cinquanta, hanno vestito i più celebri personaggi del mondo della cultura (Io scrittore Steinbeck), dello spettacolo e del jet set (Jacqueline Kennedy, Grace Kelly e Clark Gable, per citarne solo alcuni). A queste botteghe si affiancano quasi tutti i più importanti atelier dell'alta moda internazionale, che soddisfano non solo i numerosissimi ospiti che soggiornano (circa 400.000 presenze alberghiere all'anno), ma anche i visitatori giornalieri (circa 2.200.000), che dal mese di marzo al mese di novembre prediligono l'isola come meta turistica.
Il patrimonio storico sparso sul territorio dell'isola è costituito principalmente dalle rovine romane di Villa Jovis e Villa Damecuta, le due residenze dell'imperatore Tiberio, che scelse l'isola quale sua dimora dal 27 al 37 d.C. e dalla Certosa di San Giacomo, convento eretto dai Certosini nel Trecento quale luogo di preghiera, di studio e di lavoro. Ma Capri è soprattutto un luogo dove si possono fare delle splendide e lunghe passeggiate, immersi nel silenzio, per i sentieri che affiancano campi coltivati a vigna (molto apprezzato è il vino "Capri" DOC) e giardini dove la flora spontanea e mediterranea è rigogliosa in ogni stagione dell'anno.
I riflessi trasparenti che esaltano e rendono famosa la Grotta Azzurra già nota ai tempi di Tiberio, che la utilizzava come ninfeo sono tuttora evidenti ed illuminano le molteplici grotte disseminate lungo la costa dell'isola e nelle vicinanze dei Faraglioni, che sono assunti ad emblema dell'isola.
A differenza di altre località turistiche, l'Isola di Capri ha raggiunto livelli di alta competitività attraverso l'offerta di servizi di qualità, che non sono basati solo sulla cortesia e professionalità degli operatori turistici, ma anche su caratteristiche sempre più simili a quelle di una qualità "integrata", che coinvolge i differenti aspetti dell'offerta turistica isolana in maniera globale.

Informazioni turistiche:
Azienda Autonoma di Cura, Soggiorno e Turismo Isola di Capri
Piazzetta I. Cerio, 11 - 80073 CAPRI
Info point: 081.837.0686/8370634
Web site: www.capritourism.com
Email: capritourism@capri.it