La Grotta Azzurra

Visitare la Grotta più famosa del mondo

  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra
  • La Grotta Azzurra

La Grotta Azzurra è una delle principali attrazioni turistiche dell'isola di Capri. Questa cavità naturale, situata lungo la costa nord-occidentale dell'isola, è famosa per i suoi colori azzurri e trasparenti e per l'atmosfera magica che si respira al suo interno.

Durante il periodo invernale (da novembre a fine marzo) la Grotta Azzurra è generalmente chiusa per via del vento e del mare mosso che rendono impossibile l’ingresso. In caso di condizioni meteo favorevoli (bel tempo, mare calmo e assenza di vento) è possibile visitare la Grotta, generalmente solo al mattino. Potete chiedere maggiori informazioni direttamente al porto o telefonare allo 081 837 06 86 (Azienda Turistica di Capri).

Storia della Grotta Azzurra

In epoca romana, la Grotta Azzurra era utilizzata come ninfeo marino da parte dell'imperatore Tiberio, che aveva fatto costruire una villa nei pressi della cavità. Le statue ritrovate all'interno della grotta, oggi custodite nella Casa Rossa ad Anacapri, testimoniano questo uso antico.

Nel corso dei secoli, però, la Grotta Azzurra cadde nell'oblio e fu circondata da leggende e superstizioni che la descrivevano come un luogo infestato dagli spiriti e dai demoni. Fu solo nel 1826 che lo scrittore tedesco August Kopisch e il pittore Ernst Fries, accompagnati dal pescatore locale Angelo Ferraro, riscoprirono la grotta e ne diffusero la fama in tutto il mondo.

La magia dei colori

La Grotta Azzurra deve la sua fama principalmente alla particolare colorazione dell'acqua al suo interno, che assume tonalità azzurre e trasparenti di rara bellezza. Questo fenomeno è dovuto alla luce del sole che penetra nella grotta attraverso una finestra sottomarina situata sotto l'ingresso principale. La luce viene filtrata dall'acqua, che assorbe i colori rossi e lascia passare soltanto quelli azzurri.

Un secondo fenomeno, invece, è responsabile dei riflessi argentei che si osservano sugli oggetti immersi nell'acqua della grotta. Le bolle d'aria che si formano sulla superficie degli oggetti, avendo un indice di rifrazione diverso da quello dell'acqua, permettono alla luce di uscire e generano questi suggestivi riflessi.

Informazioni pratiche per visitare la Grotta Azzurra

Come arrivare

La Grotta Azzurra può essere raggiunta in diversi modi:

  • In autobus: da Anacapri, è possibile prendere un autobus che porta direttamente all'ingresso della grotta, situato a 3,5 km di distanza. La fermata si chiama Gradola ed è il capolinea del percorso.

  • In barca: da Marina Grande, è possibile noleggiare una barca privata o prendere parte a un tour organizzato che include la visita alla Grotta Azzurra. Inoltre, chi possiede una barca può ormeggiare al largo e chiamare un barcaiolo per essere accompagnati all'ingresso della grotta.

  • A piedi: per i più sportivi, è possibile raggiungere l'ingresso della Grotta Azzurra percorrendo a piedi i 3,5 km di strada che separano il centro di Anacapri dall'attrazione.

Orari e costi

La Grotta Azzurra è aperta dalle 9:00 alle 14:00, solo in condizioni favorevoli del mare. Durante i mesi invernali, da novembre a marzo, è molto raro che la grotta sia accessibile.

Il costo per visitare la Grotta Azzurra è di 18 euro a persona, comprensivo del servizio di barca con barcaiolo e del biglietto d'ingresso. I bambini sotto i sei anni entrano gratuitamente, mentre per i cittadini dell'Unione Europea sotto i 18 anni il costo è di 11 euro e per quelli tra i 18 e i 25 anni il costo è di 15 euro.

La visita alla Grotta Azzurra

Una volta arrivati all'ingresso della grotta, bisogna salire su piccole barche a remi che possono contenere al massimo quattro persone. Il barcaiolo chiederà ai visitatori di sdraiarsi sul fondo della barca per poter entrare nella grotta, dato che l'ingresso è largo solo due metri e alto appena un metro.

La visita all'interno della Grotta Azzurra dura circa cinque minuti, durante i quali il barcaiolo guida i visitatori tra le pareti di pietra e le acque azzurre, raccontando curiosità e aneddoti sulla storia e le leggende legate alla grotta.
Maggiori info e FAQ per visitare la Grotta Azzurra
Tour in barca alla Grotta Azzurra

Il momento migliore per visitare la Grotta Azzurra

L'ora migliore per visitare la Grotta Azzurra e ammirare al massimo i riflessi azzurri e argentei è tra le 12:00 e le 14:00. Tuttavia, anche nelle prime ore del mattino la differenza è minima. Si sconsiglia di visitare la grotta durante giornate molto nuvolose, poiché senza sole i riflessi sono meno intensi.

Consigli e curiosità

Evitare le code

Per evitare lunghe attese all'ingresso della Grotta Azzurra, è consigliabile partire per la visita prima delle 9:00 del mattino, in modo da trovarsi all'ingresso all'arrivo dei barcaioli. Un'altra opzione è quella di scegliere le ore meno affollate, come il primo pomeriggio.

Nuotare nella Grotta Azzurra

L'ingresso a nuoto nella Grotta Azzurra è vietato e pericoloso, a causa dell'ingresso basso e delle onde che possono far sbattere contro la roccia.

La Grotta Azzurra con i bambini

Non ci sono limitazioni d'età per l'ingresso nella Grotta Azzurra, ma il passaggio sulla piccola barca a remi può essere complicato per bambini e neonati sotto i tre anni, che potrebbero anche soffrire la probabile attesa sotto il sole.

La Grotta Azzurra nel tempo

La Grotta Azzurra ha ispirato artisti, scrittori e poeti di ogni epoca. Tra i più celebri, possiamo citare il pittore francese Claude Monet, che dipinse la grotta durante il suo soggiorno a Capri nel 1884, e lo scrittore e poeta tedesco Rainer Maria Rilke, che la visitò nel 1906 e ne fece una fonte d'ispirazione per la sua poesia.

Inoltre, la Grotta Azzurra è stata anche protagonista di film e documentari, come il celebre "Viaggio in Italia" del regista italiano Roberto Rossellini, che la mostrò al grande pubblico nel 1954.